Frutta, in alto i consumi –

La grande calura che interessa la penisola ha una notevole ripercussione sui consumi, che, soprattutto per la frutta estiva appaiono senz’altro aumentati. Anche l’offerta è tuttavia in incremento, talora anche in maniera cospicua.

Prezzi dei prodotti ortofrutticoli (dal 28 giugno al 5 luglio 2010)

ciliegie.jpg

La grande calura che interessa la penisola ha una notevole ripercussione sui consumi, che, soprattutto per la frutta estiva appaiono senz’altro aumentati.

Anche l’offerta è tuttavia in incremento
, talora anche in maniera cospicua: alcune quotazioni nonostante la buona richiesta hanno quindi avuto una regressione. In calo le angurie (tipi baby a buccia scura a 0,60-0,80 euro kg; oblunghe di grande pezzatura a 0,40-0,60 euro kg), le ciliegie (duracine dal Veneto a 2,70-2,90 euro kg, quotazioni crescenti per i prodotti dal Trentino Alto-Adige, ancora da notare molto prodotto importato dalla Turchia), le fragole (dall’arco alpino), i meloni (lisci a 1,10-1,20 euro kg, retati con costa di seconda a 0,40-0,50 euro kg), i pomodori ciliegini, i fagiolini, le pesche a pasta gialla (il calibro AA è stato esitato a 1,10-1,20 euro kg, le pesche a pasta bianca calibroAsono state vendute a 0,90-1,10 euro kg).

Il commento completo e i prezzi dei prodotti ortofrutticoli su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html


Pubblica un commento