Ribassi generali poche eccezioni –

Le quotazioni dei prodotti ortofrutticoli durante la settimana hanno avuto una generale flessione. Poche le eccezioni, anche se molto rimarchevoli: è il caso dei pomodori che hanno avuto una fiammata verso l’alto repentina e molto evidente.

Prezzi dei prodotti ortofrutticoli (dal 28 settembre al 5 ottobre)

pomodoro_grappolo.jpg

Le quotazioni dei prodotti ortofrutticoli durante la settimana hanno avuto una generale flessione. Poche le eccezioni, anche se molto rimarchevoli: è il caso dei pomodori che hanno avuto una fiammata verso l’alto repentina e molto evidente.

Molti gli esordi sia per gli ortaggi che per la frutta. In ribasso le bietole, i cavolfiori, i cetrioli, le lattughe, le melanzane di tutti le tipologie, i radicchi di Chioggia (ma anche i lunghi) e le zucchine. Per le lattughe si tratta del secondo ribasso (-35 cent in due settimane per le cappuccio e le gentile – tipologie romana a 0,90 €/kg circa). I pomodori insalatari e a grappolo hanno guadagnato anche oltre mezzo euro/kg – in rialzo (circa +20 cent) anche i pomodori ciliegini. In alto pure i cuori di bue (2,50 €/kg) o, ancora, le tipologie Piccadilly (1,60 €/kg circa). Durante la settimana sono arrivati i primi carciofi senza spine pugliesi, esitati a 0,25-0,28 €/kg per capolino.

Il commento completo e i prezzi dei prodotti ortofrutticoli su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html


Pubblica un commento